Per info scrivi a info@runnerpillar.com

Continua

 


RUNFULNESS

Da uno studio condotto da una nota azienda di calzature da running è stato coniato il neologismo runfulness.
Partendo dalla più aulica e buddista definizione del termine mindfulness che la descrive come un'attitudine che si sviluppa e accresce con la meditazione col fine di portare l'attenzione del soggetto, in modo scevro, verso il presente, si puo' intendere la runfulness come l'attitudine alla creatività, alla nascita di nuove idee, alla temporanea "pulizia del cervello" durante e dopo l'attività di corsa.
La conseguenza è la riduzione dello stress e il miglioramento della consapevolezza del benessere.
Lo studio e' stato condotto in collaborazione con un professorone in neuroscienze comportamentali, con lo scopo di monitorare lo stress e la concentrazione prima, durante e dopo l'attività di corsa; il tutto associato e "disturbato" o "allietato" dal contesto visivo e sonoro.
Ai runner cavie sono stati applicati dei sensori cerebrali che monitorano l'attività della corteccia cerebrale; intervistati durante la corsa si sono riportati risultati circa una diminuzione dello stress e un aumento della concentrazione con il progredire dell'attività.
Dalle interviste si evince che esiste un 'estraneazione dalla realtà, quindi un distaccamento dalle preoccupazioni quotidiane, lo svuotamento del cervello, la nascita di nuove idee , nuove soluzioni ai problemi.
E' stato rilevato un benessere "post corsa" .
Lo studio si e' allargato con chi pratica il running in maniera abituale e continuativa.
Statistiche alla mano un buon 80% ha dichiarato di pensare durante l'attività corsaiola anche a cose a cui non si pensa solitamente e di aver preso le migliori decisioni, dando vita a nuovi progetti.
Gli studi, le interviste hanno fatto emergere anche che lo stato di RUNFULNESS, per poter essere raggiunto, necessita di alcune condizioni:

il silenzio e il correre in solitaria quindi niente cuffiette e chiacchiere con amici che distraggono e non permettono l'estraneazione;
non avere un timing per il rientro;
indossare attrezzatura comoda;
non forzare per arrivare allo stato di benessere della runfulness ;

gli intervistati hanno dichiarato di arrivarci in maniera inconsapevole fatte le condizioni di cui sopra.
In ultimo, argomento di questi giorni, riportato da articoli e post, la corsa potrebbe , dovrebbe, rendere più resilienti, rafforzando le difese immunitarie, si coglie al volo l'argomento pandemia e la riduzione della possibilità di essere contagiati.

La corsa come benessere fisico e mentale e allora banalità a parte non ci resta che correre.
runnerpillar.com, 26 aprile 2021

Condividi

  

  SCRIVI UN POST...
OVERVIEW SULLE MARATONE MAJOR

La nascita delle "maratone major" è stata il frutto di un grande sforzo e di una grande passione per la corsa. Queste maratone sono nate dall'idea di...
Leggi runnerpillar.com, 23 marzo 2023

Correre una maratona al top, quarta ed ultima parte

Sottotitolo "la bambola di cristallo" Dopo aver attraversato le prime tre fasi di preparazione atletica, con l'idea di correre una maratona al top,...
Leggi runnerpillar.com, 04 novembre 2022

La corsa e il rischio infortuni - Seconda parte

Buongiorno a tutti! Oggi proseguiremo il discorso intrapreso nel precedente articolo sugli aspetti preventivi e gestionali degli infortuni legati alla...
Leggi runnerpillar.com, 22 ottobre 2022

La corsa e il rischio infortuni

Buongiorno ragazzi, mi chiamo Matteo Bergamino e sono un fisioterapista che vive, lavora e corre a Lanzo Torinese. Ho sempre provato grande curiosità...
Leggi runnerpillar.com, 30 settembre 2022

Preparare la maratona autunnale al top - Terza parte

Entriamo in quella che possiamo definire la seconda parte di preparazione, eppure la migliore condizione è ancora lontana. Le gambe sono pesanti e...
Leggi runnerpillar.com, 16 settembre 2022

  SCRIVI UN POST...