Per info scrivi a info@runnerpillar.com

Continua

HOME NEWS  RP/Story  RP/Training   RP/Kitchen PEOPLE CALENDARIO ENTRA Seguici


SE CORRI DEVI SAPERE QUESTO..

Parlando di Corsa il panorama è estremamente vasto, poiché ci sono vari modi di concepire e praticare quella che dovrebbe essere una delle attività più naturali per l'uomo e, guarda caso, anche tra le più salutari in assoluto.

La dieta per la corsa va interpretata in modo ampio, poiché ci riferiamo a tale attività includendo chi fa jogging, running, footing, chi si allena per una maratona o per competizioni più brevi, ma anche per competizioni più impegnative, come le ultramaratone.

Per affrontare competizioni o allenamenti di lunga durata, è necessario che le scorte di Glicogeno siano adeguatamente cariche.
Il Glicogeno epatico e muscolare, assieme ad una relativamente piccola quota di acidi grassi, saranno il principale carburante per gestire tali richieste energetiche.

La presenza dei carboidrati è imprescindibile per almeno due ragioni, in primo luogo anche in un lavoro aerobico, quale è quello di chi corre, a parità di quota calorica fornita dagli acidi grassi o dai zuccheri, la quantità di ossigeno necessario sarà inferiore nel caso si usino i carboidrati, inoltre lo stesso avvio della fase necessaria per il l'impiego energetico degli acidi grassi, richiede la presenza di Carboidrati che operano come una sorta di innesco.
Quindi pochi carboidrati significa maggiori difficoltà nell'impiego dei grassi e maggiore richiesta di ossigeno da parte dei muscoli.
I carboidrati dovranno rappresentare una quota pari al 60/70% delle calorie totali introdotte giornalmente, con riferimento prevalente a carboidrati complessi, e prevedendo, nel caso di competizioni particolarmente importanti, un carico di carboidrati nei 3/4 giorni che precedono la gara.
Il carico di carboidrati dovrà essere in ogni caso ben calibrato poiché, a fronte dei numerosi vantaggi che comporta, può determinare un aumento del peso dell'atleta per effetto dell'acqua presente nei monosaccaridi.
Un aumento del peso si traduce in una sorta di zavorra da trasportare nel corso di una gara, rendendo il tutto più faticoso.
Vero è che l'acqua in più sarà un valido aiuto nel prevenire i fenomeni di disidratazione, ma in ogni caso il tutto andrà calibrato sulle reali necessità dell'atleta, ricordando che nello sport non esiste il "più ne assumo meglio è".
Per nessun tipo di alimento e neppure per l'acqua.
Sono da evitare gli zuccheri semplici, soprattutto nell'immediatezza della competizione o dell'allenamento ed anche le fonti proteico-lipidiche andrebbero moderate (ma esclusivamente nei giorni precedenti una competizione importante).
Il fabbisogno proteico di un corridore è infatti di tutto rilievo, non inferiore ad 1,4/1,5g di proteine per kg di peso corporeo. Quota che può incrementare per atleti professionisti o per chi si allena con grande costanza, attestandosi intorno ai 2g al giorno per kg di peso corporeo.

Nell'immediato pregara è consigliabile introdurre bevande con una quota di Maltodestrine e, nel caso di competizioni particolarmente lunghe, oltre ad una integrazione liquida degli zuccheri, sarà opportuno prevedere delle piccole razioni di carboidrati complessi, da assumere nel corso della gara.

Chi pratica allenamenti relativamente lunghi e frequenti, non dovrebbe sottovalutare i danni potenziali causati dai Radicali Liberi.
Sarebbe quindi indicato non far mai mancare la presenza di cibi o integratori di antiossidanti; soprattutto frutta ricca di vitamina C (antiossidante per eccellenza) ma anche fonti di Selenio, Vitamina A e Vitamina E.
L'allenamento potrebbe prevedere una piccola integrazione di Glutammina, utile tra l'altro anche per migliorare le difese del sistema immunitario. Ruolo in ogni caso assolto anche dalla vitamina C.
In caso di competizioni su brevi distanze, in cui il parametro velocità (o resistenza alla velocità) è predominante rispetto alla componente resistenza, il fabbisogno di carboidrati è inferiore, ma parliamo pur sempre di quote prossima al 55/60% della quota calorica introdotta giornalmente.

Subisce invece un incremento il fabbisogno proteico, che può divenire prossimo ai 2,5/2,8g per kg di peso corporeo, in atleti professionisti o in chi si allena frequentemente e ad alta intensità.

Il carico di carboidrati nei giorni precedenti la gara può essere certamente meno significativo che per un atleta di endurance, ma non per questo è da escludere totalmente.

VUOI DEI CONSIGLI NUTRIZIONALI PERSONALIZZATI?
INVIA UN MESSAGGIO SULLA MIA PAGINA FACEBOOK
https://www.facebook.com/NutrizioneVimodrone

Dacci Dentro!!

Calcagno Massimiliano
Sport & Wellness Coach
Massimiliano Calcagno, 07 novembre 2016

Condividi

  

  SCRIVI UN POST...
Fango, pessimismo e fastidio

Non è una notte insonne a determinare il crollo psicologico di un runner che sta preparando da mesi una sfida da 71km e 4900m di dislivello....
Leggi gianmarco bardini, 06 aprile 2019

Confessioni indecenti di Runnerpillars - Episodio_2

Seconda puntata della serie "confessioni indecenti" Oggi abbiamo una coppia tutta al femminile Paola "Barza" e Giulia Portaluri. Aiutaci anche tu a...
Leggi runnerpillar.com, 01 aprile 2019

Inaugurazione Centro Sportivo Podistica Torino - 9 aprile

Un grande in bocca al lupo ai nostri amici della Podistica Torino ASD per questa bella iniziativa. Inaugurazione martedì 9 aprile 2019 dalle 18 alle...
Leggi runnerpillar.com, 31 marzo 2019

Correre in compagnia... dell'infortunio

Chi pratica la corsa è abituato, quasi affezionato, ai dolorini sparsi ovunque. Ormai non si fa più caso, come arrivano se ne vanno, quasi sempre...
Leggi runnerpillar.com, 24 marzo 2019

Confessioni indecenti di Runnerpillars

Aiutaci anche tu a tracciare l'identikit del Runnerpillar medio, fino a che punto si può spingere un malato di running? Rispondi anche tu al nostro...
Leggi runnerpillar.com, 14 marzo 2019

  SCRIVI UN POST...