Per info scrivi a info@runnerpillar.com

Continua

HOME NEWS  RP/Story  RP/Training   RP/Kitchen PEOPLE CALENDARIO ENTRA Seguici


Uscire dal sentiero

Alcune persone trovano armonia in se stesse solo quando sono in movimento. Del movimento amano la potenza catartica, il sudore e la fatica che ne derivano, la capacità di svuotare la testa dai pensieri o di ridimensionarli. È crudele, ma così perfettamente umano, che proprio quel muoversi, quello sforzo, passino attraverso il fare violenza al proprio corpo.
Già, perché correre, che del movimento umano è l'attività principe, altro non è che affibbiare botte ripetute ai piedi, alle ginocchia, alle anche e alla schiena, in così gran numero che viede da chiedersi come faccia il corpo a non rompersi. Ecco, infatti a volte si rompe. Ed ecco che non si può più scappare dalle ansie, dalle paure, dallo stress quotidiano e magari anche dalla persone. Si è prigionieri dell'unica gabbia da cui non si può fuggire, il proprio corpo infortunato. Un'auto rotta si rottama per comprarne una nuova, una gomma bucata si ripara, ma una gamba che fa male può guarire con una sola medicina, il tempo. Il tempo è crudele perché non torna più e perché sprecarlo è insopportabile. Perdere tempo mette fretta. Il tempo è crudele perché scorre lento quando si sta male. È una punizione.
Non c'è una vera risposta alla domanda di un amico infortunato che si chiede "ma io quanto dovrò ancora aspettare per tornare a correre? Due mesi per me sono già insopportabili, io sto male, non riesco più nemmeno ad interessarmi alle cose che di solito mi rendono felice". Non c'è una vera risposta, alla fine bisogna solo continuare a provare: provare a prendere una medicina, provare a lasciare che il corpo guarisca giorno dopo giorno, provare qualcosa di nuovo. Già, magari un altro sport, magari uno che faccia viaggiare lontano, che faccia vedere luoghi.
Non c'è una singola strada diritta e, quando si sta male, sembra che una strada non ci sia proprio. Ma noi, correndo, abbiamo imparato una cosa: che con i nostri piedi possiamo andare dappertutto, anche uscire dal sentiero e fare scoperte inaspettate. Prima o poi su quel sentiero ci torneremo.

Vittorio Ferrero "Tordo Pappardello", 17 febbraio 2021

Condividi

  

???
elisa bardini, 17 febbraio 2021

Bellissimo ?
Luca Utzeri, 17 febbraio 2021

  SCRIVI UN POST...
Welcome back Maratona di Torino!

Una mail che mi ha emozionato, ero tra quelli con le scarpette bagnate il sacco dell'immondizia indossato modi poncho, che aspettava di partire nel...
Leggi runnerpillar.com, 27 settembre 2021

Correre significa trascendere

Ho sempre faticato a comprendere coloro che, per allargare gli orizzonti dell'animo, si sobbarcano viaggi in luoghi esotici o ritiri spirituali, che...
Leggi Luca Utzeri, 12 settembre 2021

ULTRATRAILER in casa RP

Essere intervistati dalla propria redazione suona strano ma stiamo a vedere cosa succede. RP : cerchiamo di capire questo mondo di "endurance" :...
Leggi runnerpillar.com, 28 agosto 2021

LUT - LA PAURA DI TORNARE

La risoluzione di un fastidioso infortunio si è affacciata sul periodo pandemico e sul lockdown ; un paio di anni senza gare ; costanti allenamenti...
Leggi runnerpillar.com, 10 luglio 2021

CASA BART : this is the place!

Mi piace immaginare Augusta e Luca che arrivano a Villar San Costanzo e come Brigham Young il pioniere mormone che il 24 luglio 1847 vide per la prima...
Leggi runnerpillar.com, 01 giugno 2021

  SCRIVI UN POST...