Per info scrivi a info@runnerpillar.com

Continua

HOME NEWS  RP/Story  RP/Training   RP/Kitchen PEOPLE CALENDARIO ENTRA Seguici


L'UltraBadola Marathon del Runnerpillar Team

Sono le 19:30 in punto, mancano 7 ore alla partenza per il Tour della Bessanese, quando mi telefonano Gian e Luca. Le previsioni meteo non migliorano, anzi, ora c'è pure un'allerta meteo temporali, per tutto il fine settimana, e inizia nel momento esatto in cui noi ci troveremmo poco dopo metà percorso.
Non era la prima brutta notizia. Garax, giusto il giorno prima aveva dato forfait, perché infortunatosi sul monte Thabor.
All'ennesimo bollettino meteo disastroso, i miei compagni decidono che è meglio non salire. Sono sincero, in quel momento ho un pensiero, veloce e sciocco come sanno essere i miei pensieri, "vado su da solo" (in realtà non è così veloce, ne parlo anche con i Runnerbirras, e loro mi dicono chiaramente di non fare lo stupido). Gian e Luca, per prevenire questo mio pensiero, mi avvisano "rischiamo che in qualche rifugio non ci permettano di andare avanti e ci costringano a passare tutto il weekend chiusi là dentro con la pioggia".
Tuttavia, gli zaini sono fatti, la sveglia all'01:30 è stata messa: decidiamo lo stesso di trovarci e di fare comunque un bella corsetta sui monti, dal nostro lato della Bessanese, cercando di tornare in tempo per le 13, quando dovrebbero arrivare i nubifragi. Quella corsetta si rivelerà di 44 km e 2.200 metri di dislivello. Rispetto al Tour son più o meno gli stessi chilometri, un migliaio di metri di dislivello in meno, ma tante, tantissime risate in più. Perché la tensione della sera prima non c'è più, c'è solo la voglia di cimentarci in questa nostra maratona sui monti, di correre e fare i badola.
Sicuramente non era quello che avevo sognato, quello per cui mi stavo allenando da mesi, ma forse ho avuto qualcosa di più bello e inaspettato. Luca che, nonostante sia dolorante al ginocchio e alla fine abbia pure i crampi, non smette mai di farci ridere col suo umorismo porno-horror. E Gian che all'arrivo mi dice "Sai Utze, forse adesso, visto come sei in forma, su una 50 km mi batteresti" (detto da chi anni fa mi ha letteralmente re-insegnato a correre) per me vale più di qualsiasi medaglia di una maratona vera.
Il nostro Tour della Bessanese è solo rimandato.


Luca Utzeri, 29 agosto 2020

Condividi

  

  SCRIVI UN POST...
Virtual races are real

Il panorama podistico sembrerebbe sotto letargo indotto, in realtà agli occhi dei più attenti non saranno sfuggiti una serie di eventi che si celano...
Leggi runnerpillar.com, 23 novembre 2020

Kilimangiaro Marathon

Stanchi di stare chiusi in casa? stanchi di conteggiare nuovi casi covid? cerchiamo una via di fuga con il nostro 42k world tour. In attesa che la...
Leggi runnerpillar.com, 20 novembre 2020

Chetoni Esogeni: l'ennesimo tormentone

E' il momento di dare una spiegazione per schiarire le idee su questo prodotto che spopola tra atleti e non. Sono esplosi negli ultimi tempi e,...
Leggi runnerpillar.com, 18 novembre 2020

Runner's high o la corsa come viaggio mistico

Secondo una ricerca psicologica, l'uomo contemporaneo preferirebbe una leggera scossa elettrica anziché rimanere 15 minuti da solo, con i suoi...
Leggi Luca Utzeri, 24 ottobre 2020

Imparare

Imparare a saper distinguere tra semplici scocciature e veri problemi. Imparare che tra una sessione di velocità (o un momento della nostra vita in...
Leggi Luca Utzeri, 20 ottobre 2020

  SCRIVI UN POST...