Per info scrivi a info@runnerpillar.com

Continua

HOME NEWS  RP/Story  RP/Training   RP/Kitchen PEOPLE CALENDARIO ENTRA Seguici


Ho messo sulla strada mia moglie

CONTO ALLA ROVESCIA PER LA MARATONA DI NY

Un insieme di emozioni e di sensazioni mi attanaglia in procinto di partire per New York. Non correrò la maratona in quanto ancora in fase di recupero da un fastidioso e lungo infortunio; "assisterò" mia moglie a cui ho regalato l'iscrizione perché una MARATONA E' PER SEMPRE!

Facciamo un salto indietro a gennaio quando è avvenuta la consegna. Colta da un tracollo ormai il pettorale era pagato e non cedibile e si deve procedere ad un piano dolce di preparazione a resistere per 42 e rotti chilometri con un pregresso da NON sportiva ma solo da camminatrice.

Iniziamo ad alleggerire il fardello regolando l'alimentazione con un semplice rapporto calorie bruciate e calorie ingerite. Iniziamo una messa su strada (detta così sembra altra cosa!) con qualche chilometro a passo libero, un'oretta di passeggiata. La possibilità di provare scarpe non ci manca e faccio fatica a farle scegliere una scarpa comoda da una scarpa bella, con un bel colore che magari si abbinerebbe alla fascia... Il parco della Mandria è la location ideale con percorsi e chilometri tracciati dove io ho continuato ad allenarmi e in maniera discreta e lontana studiavo Elisabetta con il suo ritmo e il suo accenno alla corsa.

Passano le settimane e il fardello si alleggerisce di qualche chilo ma aumentano i chilometri e aumenta il tempo dedicato a stare sulle gambe. La svolta arriva in tarda primavera quando "lei" decide di allenarsi lo stesso sotto il diluvio e io da principino sui rulli all'asciutto! Ci siamo! La scimmia l'ha conquistata! D'ora in poi non ci sarà più caldo, freddo, pioggia e neve che possa fermarla!
Il periodo estivo dedicato alla montagna con allenamenti lunghi e anche con del dislivello e un occhio di riguardo sempre all'asfalto attore indiscusso della maratona preparano le gambe e anche la testa. Il mio infortunio mi permette di divertirmi in bici e scorrazzare all'inseguimento di Elisabetta ormai determinata e orientata all'obiettivo.

Di tempi, frequenza cardiaca e passo non ne vuole sentir parlare nonostante un cardio frequenzimetro al polso da far invidia ai migliori runners. Per maggior sicurezza verifico (di nascosto) le sue tracce gps e scopro con grande sorpresa che qualunque sia il percorso, il meteo, il dislivello, le ore sulle gambe, la media del passo è sempre quella, costante, una linea retta e rispecchia il suo desiderata (non tanto il mio, ma va bene lo stesso!)
Se veniamo a qualche numero possiamo dire che in questi 10 mesi ha visto volare 11,5 kg, più di 1000 km percorsi, qualche migliaio di metri di dislivello. E anche la pazienza adesso sta per volare via e quello che resta è l'ansia da prestazione. Quell'ansia "buona" che assale chi persegue un obiettivo. Quell'ansia che solo la regina di tutte le gare sa offrirti; i dubbi sulla resistenza a percorrere la distanza. Ma un'ansia consapevole di cosa stai affrontando con un certo rispetto reverenziale.

Avendo provato sulla mia pelle per enne volte quella bella e dannata distanza cerco, sempre in maniera discreta, di prepararle ogni minimo dettaglio a partire dall'abbigliamento, l'idratazione, gel, barrette, sornione osservo il cibo prima e dopo ma la sua testa e le sue gambe pare reggano la svolta.
Arriveremo a New York qualche giorno prima, potrà allenarsi a Central Park e mettere su ancora qualche chilometro ma non qualche chilo; una supervisione ai punti critici (almeno quelli che lo sono stati per me) del percorso.
Arriverà quel giorno con le gambe che avranno voglia di muoversi e forse stramaledirà il giorno in cui le ho fatto quel regalo ma si trascinerà al traguardo.
Mi paleserò durante il percorso, qualche foto e verificherò che il ritmo sia corretto.
Ha affrontato la preparazione con disciplina, dedizione e determinazione che, a mio avviso, sono i tre ingredienti fondamentali e richiesti per allenare la mente a tal fatica.

FORZA ELISABETTA! FORZA RUNNERS!

Proverete emozioni uniche!

maurizio garassino, 28 ottobre 2019

Condividi

  

  SCRIVI UN POST...
Virtual races are real

Il panorama podistico sembrerebbe sotto letargo indotto, in realtà agli occhi dei più attenti non saranno sfuggiti una serie di eventi che si celano...
Leggi runnerpillar.com, 23 novembre 2020

Kilimangiaro Marathon

Stanchi di stare chiusi in casa? stanchi di conteggiare nuovi casi covid? cerchiamo una via di fuga con il nostro 42k world tour. In attesa che la...
Leggi runnerpillar.com, 20 novembre 2020

Chetoni Esogeni: l'ennesimo tormentone

E' il momento di dare una spiegazione per schiarire le idee su questo prodotto che spopola tra atleti e non. Sono esplosi negli ultimi tempi e,...
Leggi runnerpillar.com, 18 novembre 2020

Runner's high o la corsa come viaggio mistico

Secondo una ricerca psicologica, l'uomo contemporaneo preferirebbe una leggera scossa elettrica anziché rimanere 15 minuti da solo, con i suoi...
Leggi Luca Utzeri, 24 ottobre 2020

Riflessioni casuali di un post allenamento muy faticoso

"Che cos'è l'amor?", mi chiedete (e perché a me poi?) ma non importa, poiché a questa banale domanda una risposta la trovo facilmente: è quando...
Leggi Fabio Tatti, 20 ottobre 2020

  SCRIVI UN POST...