Per info scrivi a info@runnerpillar.com

Continua

HOME NEWS  RP/Story  RP/Training   RP/Kitchen PEOPLE CALENDARIO ENTRA Seguici


ELOGIO SEMISERIO AL CROSS

E' tempo di cross!
L'antica corsa campestre è una classica specialità dell'atletica leggera e si pratica prevalentemente nel periodo tra novembre e marzo.
Il cross-country, come viene anche chiamato, viene tradotto in corsa attraverso la campagna.
Si corre su terreni erbosi, spesso fangosi, saliscendi e insomma su terreni dissestati; il periodo autunno-inverno rende il tutto ancora più suggestivo con nebbia, rugiada e freddo, ahimè, pungente. Utilizzato anche per dare continuità agonistica e per i mezzofondisti estivi, ma non solo.
Sono gare da correre "sempre impiccati" su distanze brevi a seconda della categoria di appartenenza.
Spaccano la consuetudine di correre su asfalto per chi ha preparato mezze e maratone, sfinito dal nero bitume, dai progressivi, dalle ripetute e dai lunghi.
Con questa specialità si sviluppa la potenza aerobica, si affina l'abilità nell'uso dei piedi, ottimo esercizio propriocettivo per gli arti inferiori.
I piedi che imparano a muoversi in diversi modi nello spazio.
Diventa molto utile per la prevenzione infortuni, coadiuva quello che in gergo viene chiamato pre-atletismo esercitazioni che si svolgono in questo stesso periodo.
Prima delle canoniche settimane di preparazione alle maratone primaverili sarà utile per lo sviluppo della forza specifica, dare forza ai muscoli e dunque potenziare il motore organico.
Altro tipo di utilizzo della campestre è per chi vuole andare forte e allora deve prepararsi un paio di mesi prima aumentando la forza generale e specifica, la potenza aerobica a ritmi piuttosto elevati.
Nei 5/6 km l'apparato cardio-circolatorio viene sollecitato per far fronte all'elevata richiesta di ossigeno da utilizzare a livello muscolare periferico. Avremo pulsazioni elevate.
La tipologia di terreno, i saliscendi, i cambi di direzione, sono il giusto mix per richiedere un impegno muscolare; quadricipiti, polpacci e caviglie vengono coinvolti, sollecitati e si rafforzano e potenziano.
Anche gli allenamenti vengono eseguiti sui medesimi terreni dove si svolgono le gare quindi terreni sconnessi e ondulati con simulazione gare, ripetute su varie distanze a ritmo gara (cross ovviamente!), esercizi con cambio ritmi, cambi direzioni e giochi di velocità (leggasi fartlek).
Le tecniche di corsa sono sempre ben accette!
Meritano una menzione anche le scarpe da utilizzare proprio in considerazione del tipo di terreno.
Possono essere utilizzate anche quelle da trail running che abbiano un buon grip che permetta di non scivolare ma l'optimum sono le chiodate, ma quelle da campestre e non da pista.
Quelle da pista hanno degli inserti in plastica o simile che fanno scivolare.
La chiodata è una scarpa minimalista, secca, per certi aspetti non perdona e occorre utilizzarla con cautela onde evitare guai a tendini, polpacci e fascia plantare.
Proprio per la storicità della corsa campestre in queste gare si vedono i "veri" podisti quelle che anche con temperature siberiane corrono con canotta e pantaloncini e sfoggiano orgogliosi scarpe chiodate fai da te con viti autofilettanti o modelli ormai sorpassati, praticamente dei pezzi di plastica con delle stringhe.
Dalla foto si evince le autofilettanti anche sul tallone e non si capisce l'utilizzo non siamo mica dei calciatori!
Si lavora con la parte anteriore del piede, il tallone non si appoggia!
Non si contano i genetliaci della maggior parte dei runners che fra creme, modello grasso di foca, e unguenti sgusciano sulle collinette dei parchi.
Nei cross dove si snobba la tecnologia si corre con il cartellino da consegnare all'arrivo agli organizzatori che si spera sempre non facciano magheggi e giochi di prestigio con le carte.
Forse proprio per le caratteristiche sopra descritte la corsa campestre viene un pò snobbata, considerata vecchia, di elite (vecchia anch'essa!) o comunque una specialità non importante.
Comunque pratico la corsa campestre da qualche anno e dietro ai nastri segnaletici che separano il percorso di gara vedo e sento sempre un gran tifo.
Pochi fronzoli, cuore a palla, muscoli e occhi puntati sugli appuntamenti di primavera!

runnerpillar.com, 17 gennaio 2019

Condividi

  

  SCRIVI UN POST...
Fango, pessimismo e fastidio

Non è una notte insonne a determinare il crollo psicologico di un runner che sta preparando da mesi una sfida da 71km e 4900m di dislivello....
Leggi gianmarco bardini, 06 aprile 2019

Confessioni indecenti di Runnerpillars - Episodio_2

Seconda puntata della serie "confessioni indecenti" Oggi abbiamo una coppia tutta al femminile Paola "Barza" e Giulia Portaluri. Aiutaci anche tu a...
Leggi runnerpillar.com, 01 aprile 2019

Inaugurazione Centro Sportivo Podistica Torino - 9 aprile

Un grande in bocca al lupo ai nostri amici della Podistica Torino ASD per questa bella iniziativa. Inaugurazione martedì 9 aprile 2019 dalle 18 alle...
Leggi runnerpillar.com, 31 marzo 2019

Correre in compagnia... dell'infortunio

Chi pratica la corsa è abituato, quasi affezionato, ai dolorini sparsi ovunque. Ormai non si fa più caso, come arrivano se ne vanno, quasi sempre...
Leggi runnerpillar.com, 24 marzo 2019

Confessioni indecenti di Runnerpillars

Aiutaci anche tu a tracciare l'identikit del Runnerpillar medio, fino a che punto si può spingere un malato di running? Rispondi anche tu al nostro...
Leggi runnerpillar.com, 14 marzo 2019

  SCRIVI UN POST...