Per info scrivi a info@runnerpillar.com

Continua

HOME NEWS  RP/Story  RP/Training   RP/Kitchen PEOPLE CALENDARIO ENTRA Seguici


Fango, pessimismo e fastidio

Non è una notte insonne a determinare il crollo psicologico di un runner che sta preparando da mesi una sfida da 71km e 4900m di dislivello. Tantomeno il sordo dolorino alla caviglia che lo accompagna negli allenamenti da tempo.
No, quando corri quasi tutti i giorni macinando km e dislivello, e le gambe di colpo di fermano cominciando a camminare, non pesanti, ma svuotate da qualunque energia, vuol dire che qualcosa si è rotto.

La corsa è equilibrio tra mente e corpo... a ognuno il suo.

Se in una neve primaverile vedi solo fango e fastidio, lo zaino da Trail si trasforma in una gabbia opprimente che ti toglie il fiato e l'acqua scossa all'interno di una borraccia, diventa un assordante fragore di fiume in piena, devi fermarti.
Il giocattolo è rotto e non si può più aggiustare.
La corsa è equilibrio tra mente e corpo, la corsa non è solo volontà e spirito di sacrificio, ma è anche inerzia e ritmo.

Avrei potuto intitolare il post: " l'arte del saper dire basta" o " quella del saper fermarsi" ; ma non è così, non bisogna mentire a se stessi, la corsa ci insegna anche questo, ci ricorda i nostri limiti.
Il correre in montagna non è cosa mia, io amo correre e abbondanarmi ad un passo ripetitivo, un ritmo ipnotico che mi porta lontano, ogni volta in un luogo diverso.
I miei 80 kg non sono quelli di un giovane cervo e in montagna trasformano ogni passo in un'agonia. I panorami dei miei amati monti diventano il set di un film horror durante le sedute di Trail running.
Allora bisogna saper ritrovare la gioia di correre e io so dove cercarla, nel nero bitume!
Lì io trovo il mio equilibrio, o forse perdendolo per un istante, rotolo felice.
42 km di asfalto saranno la mia medicina, in mezzo a boschi e rocce una palla rimbalza goffamente, su una strada scivola leggera.

gianmarco bardini, 06 aprile 2019

Condividi

  

  SCRIVI UN POST...
Riflessioni casuali di un post allenamento muy faticoso

"Che cos'è l'amor?", mi chiedete (e perché a me poi?) ma non importa, poiché a questa banale domanda una risposta la trovo facilmente: è quando...
Leggi Fabio Tatti, 20 ottobre 2020

Imparare

Imparare a saper distinguere tra semplici scocciature e veri problemi. Imparare che tra una sessione di velocità (o un momento della nostra vita in...
Leggi Luca Utzeri, 20 ottobre 2020

Il ritorno alle gare

Sono vittima di un blocco psicologico da annullamento gare, il mio trauma mi rende ogni giorno più lento e meno determinato. GLI ETTOGRAMMI...
Leggi gianmarco bardini, 20 settembre 2020

I quattro del Tour della Bessanese

Lo scorso inverno, prima del caso Covid-19, io, Pippo e Giammi, ci trovavamo a correre per il nostro Canavese, quando incontrammo un altro runner che...
Leggi Luca Utzeri, 05 agosto 2020

Allenamenti estivi: che cosa conta di più

Sull'integrazione per vincere la fatica, la stanchezza e la spossatezza dovuta al caldo estivo se ne sono dette tante, ma a questa potete crederci. I...
Leggi runnerpillar.com, 03 agosto 2020

  SCRIVI UN POST...