Per info scrivi a info@runnerpillar.com

Continua

HOME NEWS  RP/Story  RP/Training   RP/Kitchen PEOPLE CALENDARIO ENTRA Seguici


SKY RACE MONTGENEVRE - Championnats de France de Trail 2018

15 luglio 2018 , un week al Monginevro all'insegna del trail con un campionato nazionale francese con 7 gare su distanze differenti e più di 2000 partecipanti quasi tutti francesi e pochi italiani.
L'evento è curato da Courir en Brianconnais e i percorsi sono balisati con la collaborazione di Sergio Gallicet (www.sge20.com) che mi propone la partecipazione.
Dopo il consulto col mio coach , in linea con i miei attuali allenamenti e dopo aver smaltito la LUT ( è un pò come la peperonata si ripropone per alcuni giorni !!!!) vengo iscritto alla SPRINT 14 km 900 D+.

Al sabato il meteo non è clemente e i temporali si susseguono ma le previsioni fanno ben sperare per la domenica ; comunque sia per una corta non sarà un problema.
Il colle del Monginevro alla domenica mattina mi accoglie con cielo plumbeo , freddo e nebbia in quota e menomale che in auto ho sempre dell'abbigliamento per tutte le stagioni ( dal costume da bagno al piumino!).
Il pacco gara prevede uno zaino monospalla e una t-shirt commemorativa che come da prassi scelgo la taglia da donna .
Lo start puntuale alle 9.45 e inizia a gocciolare , sono in seconda fila e cerco di tenere a vista i primi ; è l'occasione buona per asfaltare qualche francese ancora alticcio dai festeggiamenti del giorno prima (presa della Bastiglia) e eccitato dalla finale di calcio che si disputerà nel pomeriggio.

Il percorso , dopo un km di asfalto , inizia a salire sul sentiero verso il colle dello Chaberton per poi virare verso il Vallon des baisses .
Avvolto nella nebbia riesco a correre, corricchiare anche in salita e guadagno qualche posizione mentre la pioggia si fa più insistente ; infilo i guanti, sapientemente riposti e facili da prendere , ma resisto e non indosso l'antivento.
Il basso ragionamento è stato : ho freddo e corro più forte!

Di bere con quel freddo non se ne parla e nemmeno di sudare e si arriva al Col de la Lauze 2530 metri e siamo già al giro di boa arrivando alla Tete de la Forneous 2690 metri .
Peccato per la nebbia e il cielo nuvoloso che riducono il panorama mozzafiato ; una sorpresa trovare Patrizia Roussel come di consueto armata di macchina fotografica e via di sorrisone .

Il ritorno si corre attraverso les Crertes du Chalvet , dunque in cresta prima in salita poi in piano ; sempre a vista ma in lontananza i primi e un grande senso di libertà su quelle creste ; la testa è completamente sgombera, leggera . Sono in forma, le gambe girano e giù dritto in discesa fino a trovare una single track e poi gli ultimi km di autostrada .
Ho corso la discesa sorpassando quelli della lunga e urlando "a gauche , a gauche!" ;
qualche storta, qualche inciampo sulle radici ; un pezzo col fango e con della terra che mi riempe le scarpe ma ormai ci siamo e si sente lo speaker.

Però è divertente correre gli Sprint e riconosco davanti a me un runner che era in griglia , altro basso ragionamento : "allora è della corta" e via all'inseguimento ; le gambe girano proprio bene e mi permettono un sorpasso ; sono in paese e all'ultima curva Gallicet mi batte un cinque e poi via gli ultimi metri , passo sotto al gonfiabile in 1h36'36".

Anche il terzo tempo è degno di nota con un vero e proprio self service e bicchiere di birra , le classifiche non sono subito rese pubbliche e scoprirò in seguito di essere secondo di categoria Master e 23esimo assoluto.
Niente male per un diesel!


maurizio garassino, 26 luglio 2018

Condividi

  

  SCRIVI UN POST...
STORIA DI UN PB

Un PB che non arriva dopo settimane di preparazione mirata, seppur funestata da tendiniti e problemi quotidiani; un PB che non arriva in una maratona...
Leggi maurizio garassino, 07 dicembre 2018

Stadio Artemio Franchi

Trentesimo o poco più e la mia Firenzemarathon  va a in archivio nel peggiore dei modi: ritirato.  Il ginocchio,   sempre lo stesso, ha deciso di...
Leggi nino, 29 novembre 2018

ANTARCTICA MARATHON

CANDIDO MARTINO Una maratona per ogni continente. Classe 1954, 44 anni di lavoro, ora in meritata pensione, ci racconta delle sue centinaia di corse...
Leggi runnerpillar.com, 20 novembre 2018

Rastro i minimalisti per eccellenza

Rastro o non Rastro , questo e' correre ? L'antico dilemma shakespeariano balena nella mia testa ... parlando con uno dei miei soci di corsa al...
Leggi andrea sarra, 10 novembre 2018

CRONACA DI UNA MARATONA SOTT'ACQUA - 33esima VENICE MARATHON

La preparazione di questa maratona è stata travagliata , costellata di imprevisti e la scelta di correre a Venezia è stata anch'essa un obbligo per...
Leggi maurizio garassino, 31 ottobre 2018

  SCRIVI UN POST...