Per info scrivi a info@runnerpillar.com

Continua

HOME NEWS  RP/Story  RP/Training   RP/Kitchen PEOPLE CALENDARIO ENTRA Seguici


Top five running books secondo runnerpillar

Ed eccoci sul podio della nostra top five running books, al quinto posto avevamo trovato "lungo lento" e al quarto "l'arte di correre giapponese",
siamo quindi pronti a svelare la terza posizione: "due ore" di Ed Caesar, ed. Einaudi.
Due ore, il muro da infrangere, l'Everest del running. Per correre in meno di 2 ore, 42km e 195m non bastano scarpe super molleggiate, un circuito perfetto, un team davanti a te che ti protegge dall'aria e la temperatura ideale, ce l'ha dimostrato il recente show messo in piedi dalla Nike. Al di là delle critiche, legittime o meno che siano, è stato per tutti motivo di grande interesse. Purtroppo il tempo di Eliud kipchoge di h. 2 e 25" , incredibile prova di talento puro, non è riuscito ad abbattere il muro delle fatidiche 2 ore. Infatti è sceso di molto dall'omologato e a parer nostro ancor più incredibile tempo di h.2:2':25" di Dennis Kimetto a Berlino, ma niente da fare, il muro delle tanto chiaccherate "Due ore" rimane in piedi. Per questo il nostro libro rimane attuale e avvincente nonostante sia stato pubblicato nel 2015. È così che l'autore ci accompagna in un viaggio ricco di riflessioni nella storia della maratona e della sfida impossibile ad essa legata: correre 42km e 195m in meno di 120 minuti...
Wanijiru, Mutai, Kimetto, la scienza, la disciplina e correre attraversati dallo "Spirito". Così Mutai descriveva lo stato di grazia che talvolta nelle gare riusciva a raggiungere. È lui a spiegare: "Migliaia di ore di sofferenza, per la soavita' di pochi minuti: velocità e scioltezza, forza e grazia (...). Più duramente ti alleni, più possiedi lo spirito". È così che l'utopia della maratona si trasforma in ossessione. Gli atleti di spicco scrive Ed Caesar, non considerano più la maratona una gara di pura resistenza, adesso è una gara di resistenza alla velocità, gli atleti più forti non sono più diesel, ma turbodiesel! E ancora come dice Haile Gebrselaisse: "sarà solo il corpo a sostenerti; tutto quello che hai fatto in vita tua fino al momento in cui tagli il traguardo è connesso al risultato".
Risultato che ad oggi, così come ci ha sapientemente raccontato Ed Caesar, potrebbe essere raggiunto domani, così come tra vent'anni... o forse mai.
Buona lettura e arrivederci alla prossima recensione, dove vi sveleremo a chi abbiamo assegnato il secondo gradino del podio.
runnerpillar.com, 23 marzo 2018

Condividi

  

  SCRIVI UN POST...
CASA BART : this is the place!

Mi piace immaginare Augusta e Luca che arrivano a Villar San Costanzo e come Brigham Young il pioniere mormone che il 24 luglio 1847 vide per la prima...
Leggi runnerpillar.com, 01 giugno 2021

Il pasto pre allenamento ideale

Vi sarete chiesti sicuramente tante volte che cosa potrebbe essere ideale mangiare prima di un allenamento e magari anche con quali tempistiche ( il...
Leggi runnerpillar.com, 19 maggio 2021

La frutta nello sport

Oggi parliamo di frutta fresca nello sport (mele, pere, arance fresche ecc...). Per la frutta oleosa o disidratata invece facciamo un discorso a...
Leggi runnerpillar.com, 29 aprile 2021

RUNFULNESS

Da uno studio condotto da una nota azienda di calzature da running è stato coniato il neologismo runfulness. Partendo dalla più aulica e buddista...
Leggi runnerpillar.com, 26 aprile 2021

Alla difesa del titolo italiano di 24 ore, viaggiando su una zattera

Intervistando il campione italiano di 24 ore o meglio correndo al suo fianco per 24 km, prima del lungo da 100 km, ti rendi subito conto che non stai...
Leggi runnerpillar.com, 11 marzo 2021

  SCRIVI UN POST...