Per info scrivi a info@runnerpillar.com

Continua

HOME NEWS  RP/Story  RP/Training   RP/Kitchen PEOPLE CALENDARIO ENTRA Seguici


Sono riuscita a rompere il record maschile di scalinata di un edificio

Qual è stata la gara della tua vita, dove hai dato il meglio di te o dove hai sperimentato le emozioni più belle?
Ce ne sono state varie. Sicuramente la prima maratona nel 1993. Poi la mia prima ultra-maratona. Ma la soddisfazione maggiore e avvenuta nel dicembre del 2009 quando sono riuscita a rompere il record maschile di scalinata di un edificio. Una gara di endurance durissima ma molto emozionante dal punto di vista di soddisfazione come donna che riesce a conquistare una meta maschile.

Diana riesce ad andare più forte degli uomini e questo per lei diventa una grande soddisfazione, ha fatto tanta strada, tanto impegno, tanta formazione professionale, ma sono anche tanti gli obiettivi ragiunti ed anche tanto prestigiosi, la prima maratona, la prima ultramaratona ed anche il record per coronare i suoi impegni e la sua determinazione.

Qual è una tua esperienza che ti possa dare la convinzione che ce la puoi fare?
Mai fare paragoni con la performance degli altri, concentrarsi esclusivamente sul raggiungimento della meta propria. L'allenamento serve a questo. Per me i duri allenamenti che mi permettevano di sapere che sarei riuscita a finire la gara. Oppure le esperienze di altre gare.

Cosa pensano i tuoi famigliari ed amici della tua attività sportiva?
Non capiscono che questo è uno stile di vita. Coloro che sono atleti a vita senza l'esercizio fisico non considerano la vita come gli altri. Questo diventa molto difficile con il passare degli anni quando la gente ti dice che ti devi fermare, perché tu non ti fermi fino a che non sei morto/a. I famigliari si abituano alle routine ma non capiscono i sacrifici. Quando sperimenti benessere nella fatica dello sport è difficile fermarsi, si arriva alla consapevolezza che il senso della vita è un'attività in movimento e performante per sperimentare sensazioni ed emozioni, sfidare se stessi e altri.

matteo simone, 22 luglio 2016

Condividi

  

"Lo sport al femminile diventa sempre più competitivo e performante, le donne sempre più agguerrite e resistenti. Quest?anno una delle competizioni di ultracorsa più dure di Europa è stata vinta da una donna americana. Ma anche le donne italiane sono tanto forti e resistenti come Diana Marongiu che ci racconta come ha iniziato da piccoli passi che lei usa chiamare ?baby step? è arrivata a battere un record di corsa sulle scale detenuto da un uomo." Cit.Matteo Simone https://sportastrambiente.co
Luis Saibon, 25 luglio 2016

Grande Diana, grande Matteo. Intervista centrata. Il punto chiave e' quello dove Diana spiega che gli altri non possono capire che per te la vita senza sport non sarebbe piu' la stessa. E' questo discorso funziona a tutti i livelli, anche quando non sei un campione come Diana.
gianmarco bardini, 23 luglio 2016

  SCRIVI UN POST...
Maratone e mezze maratone 2021 e MY PERSONAL BEST CHALLENGE

In un anno così delicato bla, bla, bla... Riproviamo. In momento così difficile dove i problemi veri sono altri bla, bla, bla... NO, NON CI SIAMO....
Leggi runnerpillar.com, 18 gennaio 2021

Virtual races are real

Il panorama podistico sembrerebbe sotto letargo indotto, in realtà agli occhi dei più attenti non saranno sfuggiti una serie di eventi che si celano...
Leggi runnerpillar.com, 23 novembre 2020

Kilimangiaro Marathon

Stanchi di stare chiusi in casa? stanchi di conteggiare nuovi casi covid? cerchiamo una via di fuga con il nostro 42k world tour. In attesa che la...
Leggi runnerpillar.com, 20 novembre 2020

Chetoni Esogeni: l'ennesimo tormentone

E' il momento di dare una spiegazione per schiarire le idee su questo prodotto che spopola tra atleti e non. Sono esplosi negli ultimi tempi e,...
Leggi runnerpillar.com, 18 novembre 2020

Runner's high o la corsa come viaggio mistico

Secondo una ricerca psicologica, l'uomo contemporaneo preferirebbe una leggera scossa elettrica anziché rimanere 15 minuti da solo, con i suoi...
Leggi Luca Utzeri, 24 ottobre 2020

  SCRIVI UN POST...