Per info scrivi a info@runnerpillar.com

Continua

HOME NEWS  RP/Story  RP/Training   RP/Kitchen PEOPLE CALENDARIO ENTRA Seguici


ULTRATRAILER in casa RP

Essere intervistati dalla propria redazione suona strano ma stiamo a vedere cosa succede.

RP : cerchiamo di capire questo mondo di "endurance" : quanti mesi di preparazione e quanta fatica per ottenere il punteggio necessario alla qualifica di UTMB?
GARAX : diciamo subito che la preparazione è continua almeno per come sono organizzato negli allenamenti e alle gare a cui partecipo , maratone comprese, durante l'anno ( parliamo ovviamente di periodi pre-covid); non esiste una fatica specifica nella preparazione; ottenere i punti necessari per poter accedere al sorteggio per l'iscrizione , prevede la partecipazione a gare ULTRA (over 100km) e di essere finisher, quindi arrivare alla fine nel tempo prestabilito.
Poi per il circuito UTMB esistono delle regole specifiche e sempre più restrittive in cui i punti accumulati devono essere raggiunti da non più di tre gare con la somma dei punti ITRA ecc... capite bene che è più faticoso capire i meccanismi che non allenarsi.

RP: Cosa ti spinge ad affrontare delle sfide così dure? Pensi ai rischi legati a gare così tecniche o parti con tranquillità?
GARAX: in realtà non c'è una motivazione precisa, pratico uno sport che mi appassiona e che viene praticato in montagna, un ambiente a me famigliare e che non potrei farne a meno, il rovescio della medaglia che si allungano sempre di più le distanze e il dislivello ma a questo punto subentra una patologia.
Per mio carattere non parto mai tranquillo e sicuro e ho imparato ad avere massimo rispetto per la montagna.
Sono cosciente dei rischi ma penso di adottare tutte le tecniche e l'equipaggiamento che riduce al minimo il rischio.
Ma non giriamoci troppo intorno e senza voler approfittare di quanto è successo a mio avviso è doveroso parlarne anche solo per dare adito a dei confronti, sempre meglio che lasciare cadere nell'indifferenza del "show must go on".
L'altra notte il tragico incidente dove ha perso la vita un atleta durante la TDS .
Ero presente e praticamente ero a 10 minuti dal luogo dove e? scivolato. Tornando alla domanda iniziale , ho riflettuto a lungo durante la via del ritorno.

RP: quando hai saputo che la gara era stata interrotta? Quali emozioni hanno attraversato la tua mente?
GARAX: dopo la mezzanotte mentre salivo con gran fatica ho visto l'elisoccorso che nulla di buono faceva presagire, ho continuato a salire in semi trans e sono stato "svegliato" dalle urla dei volontari "come back, come back", ho appreso poi la notizia sia dell'incidente che dell'interruzione della gara da un sms dell'organizzazione. La prima cosa a cui ho pensato è stata di lasciare un vocale a mia moglie onde evitare le venisse un colpo appena sveglia.
Incredulo, inizio a tornare indietro in fila indiana , tutti in silenzio .
Difficile descrivere le emozioni e le sensazioni, mille pensieri che hanno attraversato la mia mente; consapevolezza del pericolo (conosco bene quel tratto), smettere di correre almeno di notte, la voglia di tornare a casa in fretta; paura, si ho avuto paura non so bene di cosa ma ero a disagio lassù su quella montagna, stavo patendo freddo, sonno e fatica , ma perchè ?

RP: Quale aria si respirava tra voi ultratrailer? Tensione, preoccupazione, delusione
GARAX: Le poche parole che ci siamo scambiati per lo più con stranieri (attorno a me pochissimi italiani), c'era un clima triste, si scendeva piano in silenzio, qualcuno sorpassava, qualcuno avrebbe voluto continuare. Non avevamo ancora idea della gravità dell'incidente.

RP: Non sei più un giovincello, da anni frequenti con successo il mondo dell'ultratrail , cosa tiene alta la tua motivazione?
GARAX: siete carini a non dirmi che sono vecchio o come mi dicono i miei due compari di corsa "vecchio di merda" ; ormai è una decina di anni che affronto queste gare e , come sopra detto, la passione per la corsa e per la montagna tengono alta la motivazione ma ho la fortuna di avere un coach che riesce a motivarmi anche sul rettilineo di Stupinigi.

Adesso vi lascio perchè sono due giorni che non corro e le mie gambe magre e spelacchiate sono irrequiete!

runnerpillar.com, 28 agosto 2021

Condividi

  

  SCRIVI UN POST...
Welcome back Maratona di Torino!

Una mail che mi ha emozionato, ero tra quelli con le scarpette bagnate il sacco dell'immondizia indossato modi poncho, che aspettava di partire nel...
Leggi runnerpillar.com, 27 settembre 2021

Correre significa trascendere

Ho sempre faticato a comprendere coloro che, per allargare gli orizzonti dell'animo, si sobbarcano viaggi in luoghi esotici o ritiri spirituali, che...
Leggi Luca Utzeri, 12 settembre 2021

LUT - LA PAURA DI TORNARE

La risoluzione di un fastidioso infortunio si è affacciata sul periodo pandemico e sul lockdown ; un paio di anni senza gare ; costanti allenamenti...
Leggi runnerpillar.com, 10 luglio 2021

CASA BART : this is the place!

Mi piace immaginare Augusta e Luca che arrivano a Villar San Costanzo e come Brigham Young il pioniere mormone che il 24 luglio 1847 vide per la prima...
Leggi runnerpillar.com, 01 giugno 2021

Il pasto pre allenamento ideale

Vi sarete chiesti sicuramente tante volte che cosa potrebbe essere ideale mangiare prima di un allenamento e magari anche con quali tempistiche ( il...
Leggi runnerpillar.com, 19 maggio 2021

  SCRIVI UN POST...