Per info scrivi a info@runnerpillar.com

Continua

HOME NEWS  RP/Story  RP/Training   RP/Kitchen PEOPLE CALENDARIO ENTRA Seguici


Gianni Girod, ultratrailer: Le crisi spesso come arrivano poi passano

Matteo SIMONE
Psicologo, Psicoterapeuta

Il fantastico mondo dell'ultratrail, qualcosa di sorprendente, di eccezionale, di oltre ogni razionalità, immersi nella natura, espressione di massima libertà, sentirsi liberi di correre e saltare in salita e discese, quasi volare a volte, affrontare estreme condizioni fisiche e climatiche, correre per giorni per decine di ore, con privazione di sonno, con depersonalizzazioni, stati alterati di coscienza, per permettere il fisico di andare oltre le ordinarie possibilità, solo se ci sei con la testa puoi affrontare e portare a termine tali gare.
Di seguito, Gianni Girod racconta la sua esperienza di ultratrailer.
Ti sei sentito campione nello sport? "Si, anche se nel mio piccolo."
In che modo lo sport ha contribuito al tuo benessere? "Sotto tutti i punti di vista. Mi ha costruito fisicamente, ma a livello mentale è una valvola di sfogo".
Come hai scelto il tuo sport? "Fin da ragazzo ho sempre fatto corsa in montagna e poi con la nascita dei trail mi sono appassionato alle distanze lunghe".
Quali sono le condizioni fisiche o ambientali che più spesso ti hanno indotto a fare una prestazione non ottimale? "Sicuramente il grande caldo perché porta il fisico al limite e bisogna stare molto attenti ad idratarsi bene, ma al tempo stesso fare attenzione perché il mal di stomaco è sempre in agguato". L'alimentazione ha un ruolo fondamentale e spesso capita di non riuscire ad alimentarsi come si vorrebbe.

È vero? "L' alimentazione ha un ruolo fondamentale nello sport di endurance, diventa il carburante per andare avanti ore ed ore di sport, carburante solido anche non solo liquido, è importante riempire spesso i serbatoi di glicogeno e variare ai ristori, è l'organismo che richiede sostanze diverse in base a quello che ha consumato, noi atleti dobbiamo sperimentare in allenamento ed in gara ed acquisire sempre più conoscenza del funzionamento ottimale del nostro organismo anche con l'aiuto di validi nutrizionisti esperti".
Nello sport chi ha contribuito al tuo benessere o performance? "La mia famiglia innanzitutto, mia moglie e i miei figli che mi permettono di allenarmi, genitori e fratelli che mi seguono. E mi aiutano poi gli amici con cui mi alleno".
Qual è stata la gara della tua vita, dove hai sperimentato le emozioni più belle? "Tor des Geants 2012 e 4K Endurance Trail 2016".

Il Tor des Geants, gara di endurance trail con 330 km e 24.000 metri di dislivello positivo. 4K Alpine Endurance Trail Valle d'Aosta, percorso di 350 km e 25.000 metri di dislivello positivo.
Quali meccanismi psicologici ti aiutano nello sport? "In questi sport di lunghe distanze in cui si sta da soli anche per tante ore, di notte, si trova il proprio limite, fisico e mentale. E questo aiuta non solo nello sport ma anche nella vita di tutti i giorni".

Ti va di descrivere un episodio curioso o divertente della tua attività sportiva? Durante il 4k appena concluso c'è stato un momento in cui stavo veramente bene e stavo andando forte che mi sembrava di essere staccato dal mio corpo e di guardarmi mentre correvo".
Cosa hai scoperto di te stesso nel praticare attività fisica? "Che se ci sono con la testa, il fisico ha delle risorse incredibili!!
Quali sensazioni hai sperimentato nello sport: allenamento, pregara, gara, post gara? "Di tutto di più. Si passa, anche nel giro di pochi minuti, dal massimo dell'esaltazione alla più profonda crisi, ma in ogni sensazione quello che prevale è sempre il senso di libertà e la passione per quello che si sta facendo".
Quale è stata la tua gara più difficile? "La mia gara più difficile corrisponde con quella che è stata forse la mia miglior prestazione, avevo dei problemi in famiglia e la testa per tutta la durata della gara era rivolta a quello".
Hai rischiato di incorrere nel doping? Cè un messaggio che vorresti dare per sconsigliare il doping? "Assolutamente no! Io faccio sport per passione e lo faccio per stare bene non per farmi del male. La sfida deve essere con se stessi, sapere di aver raggiunto un obiettivo con mezzi non leciti credo che non sia nemmeno gratificante".
Come hai gestito eventuali crisi, sconfitte, infortuni? "Con pazienza. Le sconfitte e gli infortuni fanno parte del gioco. Le crisi spesso come arrivano poi passano, in quei momenti ci vuole solo pazienza gestendo ogni situazione con calma".

Facendo attenzione alla salute e sperimentando anche flow e performance, tale sport ti permette di sviluppare consapevolezza dei propri limiti e delle proprie risorse insospettabili, permette di sviluppare autoefficacia, centrando obiettivi sempre più ardui e prestigiosi, permette di sviluppare resilienza superando crisi e difficoltà, focalizzandosi sul momento presente ed affrontando una per una ogni problematica o crisi che ti si presenta, considerando che come vengono le crisi se ne vanno, o quanto meno riesci a gestirle, ma sempre facendo estremamente attenzione alla salute per non farsi male, e questo attraverso una conoscenza sempre più profonda di se stessi. Tutto ciò aiuta anche nella vita quotidiana a vivere consapevolmente.
Pensi che potrebbe essere utile lo psicologo dello sport? In che modo e in quali fasi? "Non lo so, non l'ho mai sperimentato. Certo che ci sono momenti o situazioni che anche solo parlarne con amici aiuta molto. Quindi credo che possa essere molto utile e penso che possa essere utile in tutte le fasi, negli allenamenti, nel pregara, nel postgara, infortuni, sconfitte".
Quale messaggio vuoi rivolgere ai ragazzi per farli avvicinare allo sport? "Lo sport è salute. Ognuno di noi può essere bravo in qualcosa e non necessariamente essere bravi deve significare essere vincenti".

La felicità è superare muri, crisi, ostacoli, difficoltà, superare sfide, e lì che scatta l'incremento di resilienza, l'essere consapevole che ce l'hai fatta, con le tue forze, con la tua forza di volontà, con il tuo impegno, passione e determinazione. La soddisfazione ripaga di tutto e dura tantissimo a lungo. Le sensazioni sperimentate non hanno prezzo.
Un'intervista a Gianni è riportata nel libro "Cosa spinge le persone a fare sport, edito da Aracne.
https://www.libreriauniversitaria.it/cosa-spinge-persone-fare-sport/libro/9788825528275

Matteo SIMONE - 21163@tiscali.it
+393804337230 Psicologo, Psicoterapeuta
http://www.psicologiadellosport.net/eventi.htm
http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html

matteo simone, 07 maggio 2020

Condividi

  

  SCRIVI UN POST...
Imparare

Imparare a saper distinguere tra semplici scocciature e veri problemi. Imparare che tra una sessione di velocità (o un momento della nostra vita in...
Leggi Luca Utzeri, 20 ottobre 2020

Riflessioni casuali di un post allenamento muy faticoso

"Che cos'è l'amor?", mi chiedete (e perché a me poi?) ma non importa, poiché a questa banale domanda una risposta la trovo facilmente: è quando...
Leggi Fabio Tatti, 20 ottobre 2020

Il ritorno alle gare

Sono vittima di un blocco psicologico da annullamento gare, il mio trauma mi rende ogni giorno più lento e meno determinato. GLI ETTOGRAMMI...
Leggi gianmarco bardini, 20 settembre 2020

I quattro del Tour della Bessanese

Lo scorso inverno, prima del caso Covid-19, io, Pippo e Giammi, ci trovavamo a correre per il nostro Canavese, quando incontrammo un altro runner che...
Leggi Luca Utzeri, 05 agosto 2020

Allenamenti estivi: che cosa conta di più

Sull'integrazione per vincere la fatica, la stanchezza e la spossatezza dovuta al caldo estivo se ne sono dette tante, ma a questa potete crederci. I...
Leggi runnerpillar.com, 03 agosto 2020

  SCRIVI UN POST...