Per info scrivi a info@runnerpillar.com

Continua

HOME NEWS  RP/Story  RP/Training   RP/Kitchen PEOPLE CALENDARIO ENTRA Seguici


DISTRUGGERE IL PERSONAL BEST

Questo era il progetto, questo è il progetto.
FOLLIA O REALTÀ?
Questo è quello per cui ho lavorato per più di 5 mesi (vedi post "XXX me la faccio con il coach"), a volte al limite della mia resistenza psicologica e fisica (vedi post "Me la faccio con il coach, racconto hard di un rapporto al limite")

Come recita una canzone spesso "parto per scalare le montagne e poi mi fermo al primo ristorante" ma, questa volta ho tenuto duro, non ho mollato, infilzando allenamenti, ripetute, lunghi con ritmi e volumi di lavoro per me del tutto nuovi. Coach Sergio Benzio mi ha accompagnato con pazienza e durezza in questo percorso e penso che, alla fine, sarà più provato lui di me; certo avrei potuto fare di più, mangiare e bere meno per esempio, SONO UN CUOCO, VORREI VEDERE KIPCHOGE CHIUSO TUTTO IL GIORNO IN UNA CUCINA DOPO I SUOI ALLENAMENTI! Salatini, pizzette, olive, noccioline al posto dell'Ugali!
Peserebbe almeno 20 kg in più! Facile resistere lontani da qualunque tentazione!
Comunque eccomi qua, a pormi obiettivi impossibili: togliere 9' e 57" dal mio personal best di 3h 19' e 56" , sette anni fa, per provare ad iscrivermi alla Boston Marathon.
Risultato? Risultati?
Puntare in alto mi motiva e mi permette di raggiungere obiettivi intermedi come perdere 6kg, non male per un obeso latente (sono arrivato a pesare 110kg e non appena mi distraggo prendo peso). Ripeto, sono un cuoco! Mettete un tossico in un laboratorio di ricerca sulle anfetamine e vedrete cosa succede. Oppure altro risultato, allenarmi con costanza e qualità in un momento in cui più che correre pascolavo.

Così sono partito per scalare le montagne e non mi sono fermato al primo ristorante, per lo meno non troppo a lungo.
Ci siamo, ultima settimana prima della Maratona Sabauda, ultime chat con il coach:
Io: "che frequenza cardiaca devo tenere in gara?"
Coach: "non serve più il cardio andiamo per fare il tempo!"
Io: "Minchia, Minchia, Minchia"
La tensione sale, i giorni passano, la scorsa settimana antibiotici, domenica pioverà e a tre giorni dalla gara non mi sento in forma, poche palle, devo provarci è la mia unica possibilità, al costo di stramazzare al suolo, basta beep beep a segnare il passo da tenere, basta fascia cardio, basta calcolare! Adesso concentrato sul mio respiro proverò a volare, un cinghiale con le ali non l'avete mai visto?!
Così arriva il giorno prima della gara, umuori e sensazioni altalenanti mi perseguitano e cerco di immaginare la fine del racconto, mi sembra di essere in una di quelle storie di Topolino in cui puoi scegliere il finale:
_finale 1: tiro come un matto fino al 30esimo km mi sembra di volare poi bam, le gambe si induriscono e addio sogni di gloria, mi trascino fino ai 42,195 km. e chiudo la Maratona in 3h.59'
_finale 2: parto bene, le gambe girano ma non troppo, al 25esimo km mi rendo conto che tentare di tenere i 4'30" a km sarebbe un suicidio adatto il passo 4'40" km e batto il mio personal Best di sette anni fa 3h 16' 55"
_finale 3: parto poco convinto ai 4'30" km, al km 10 le gambe si sciolgono, il 21 km arriva in un attimo, h.1 34' perfetto! Comincio a crederci al 30esimo km le gambe sono stanche ma continuano a mulinare, al 36 esimo km mi rendo conto di essere ancora al passo giusto, le gambe sono dure ma mi faccio forza, ultimo km la voce di mia moglie e mia figlia mi dicono: "vai che ci sei, è fatta!!!" Ultime metri, gli occhi mi si riempiono di lacrime 3h 9' 59"!

Ringrazio ancor prima di sapere il risultato il coach Sergio Benzio che mi ha supportato, sono entrato nel suo team di allenamento sport2win e al mitico Garax, che più che un mental coach è un matto che non smette di dirmi "provaci!" e mi ha fatto conoscere il Super Centro Sportivo Podistica Torino, un posto dove ti viene voglia di allenarti e di sudare. Si respira l'aria del muoversi, niente specchi, pochi pesi, tanto allenamento a corpo libero.

P.S. IL FINALE GIUSTO ERA IL NUMERO... 4, gara annullata per pioggia!

gianmarco bardini, 19 novembre 2019

Condividi

  

  SCRIVI UN POST...
Un Record sotto l'albero

L'antivigilia della maratona il letto è già fatto di spilli, come una bambola voodoo perseguitata da un crudele manipolatore, mi giro e mi rigiro...
Leggi gianmarco bardini, 07 dicembre 2019

Pioggia

Lo confesso, sto battendo la fiacca. Lavoro, impegni, stanchezza ma soprattutto la pioggia stanno inesorabilmente minando quello che in tutti questi...
Leggi nino, 27 novembre 2019

Turin Marathon, la mia Avventura mancata

L'uomo nasce per vivere nell'avventura. L'uomo primitivo aveva l'avventura, il pericolo, nella sua quotidianità. Ogni attimo era vissuto mettendo a...
Leggi runnerpillar.com, 24 novembre 2019

Utze tenta una Maratona?

Un mese e mezzo fa, mi ritrovo a fare una Mezza Maratona a Vinovo, un po' perché arrivare 118esimo su 224 al MonteRosa, quando pensavo di arrivare...
Leggi Luca Utzeri, 12 novembre 2019

NY, la mia prima maratona

Il giorno prima della maratona ho gettato la spugna, avendo vissuto finora l'esperienza da aiutante, avrei fatto gestire il tutto dal mio mentore, il...
Leggi maurizio garassino, 11 novembre 2019

  SCRIVI UN POST...