Per info scrivi a info@runnerpillar.com

Continua

HOME NEWS  RP/Story  RP/Training   RP/Kitchen PEOPLE CALENDARIO ENTRA Seguici


asics dynaflyte 3

In commercio da fine estate la Asics Dynaflyte, giunta alla sua terza versione, si presenta al pubblico con importanti novità. Ideali per runner veloci con pronazione neutra sono ancora dotate dell'iconica ammortizzazione ASICS GEL che offre un sostegno leggero e protegge da irritazioni e sfregamenti, e adesso caratterizzate da una serie di miglioramenti per ottimizzare le prestazioni e il livello di comfort.

La tomaia in tecnologia flessibile Adapt Mesh 2.0 è priva di cuciture e offre una calzabilità perfetta e ben ventilata con riflettività 3M LITE SHOW e contrafforte tallonare termosaldato in leggero TPU.

L'intersuola FlyteFoam Lyte sull'intera lunghezza rende queste DYNAFLYTE più leggere con il rimbalzo migliorato nella zona delle dita e assicura un sostegno completo durante la corsa, dall'impatto al suolo allo stacco, mentre il sistema di sostegno con sotto-strati replica perfettamente la forma del piede sostenendo ogni passo.

Plantare in Ortholite X-40 estraibile, Rearfoot GEL Cushioning System nella zona tallonare, stabilizzatore Trusstic System e suola in gomma solida con inserto Ahar+ nel tacco e Guidance Line Midsole Technolog.

La scarpa dal peso di 257gr nella numerazione di riferimento (272gr nel 10US), ha un differenziale tra tacco e punta di 8mm, ed un prezzo di listino di 160,00 euro anche se, come sempre, nei negozi specializzati o suoi siti di e-commerce la si può trovare a meno.

Ai miei piedi da un mesetto ho avuto modo, grazie a Asics Italia che me ne ha dato la possibilità, di verificare sul campo la veridicità dei giudizi di chi questa scarpa l'ha gia provata.

La prima impressione, una volta calzate, è buona: comoda e avvolgente con la sagoma della soletta interna, come per le Ninbus 20, che non provoca fastidi di sorta all'arco plantare. Giusto qualche passo per casa ed è  subito evidente che la morbidezza tipica della "sorella maggiore" in questo caso è ridotta ai minimi termini sinonimo di una buona reattività.  Reattività messa subito alla prova con un 10x400 senza rodaggio di sorta.

Il responso su strada è quello che  ci si aspetta da una scarpa di questa categoria: promosse con lode.

Sei uscite per una ottantina di chilometri suddivisi equamente tra ripetute da 400, da mille e un paio di medi: tutti lavori di velocità dove si e costretti ad andare in spinta. E non solo perché lo dice Asics.  Leggere e reattive sono caratteristiche che poco hanno a che fare con le uscite che necessitano protezione per distanze e tempo importanti.  O meglio con il mio peso, la mia postura e il mio passo non credo sia saggio  azzardare un lungo da oltre due ore al ritmo che ha caratterizzato le mie ultime esperienze. Ma questo ovviamente è solo la mia opinione perché come mi piace sempre ricordare, le scarpe sono soggettive e vanno provate perché non esiste la scarpa perfetta ma esiste la scarpa che più si adatta ad un determinato tipo di runner.


Le mie gare, le recensioni e i comunicati sul mio blog all'indirizzo:  
https://il-blog-di-nino.blogspot.com
nino, 19 dicembre 2018

Condividi

  

  SCRIVI UN POST...
Il 12/9 c'è la Running beer fest!

Vi confesso un segreto: a me tutto sto correre non è che piaccia poi così tanto. Come direbbe il professor Frink, si suda e spesso si sta senza...
Leggi Fabio Tatti, 19 agosto 2019

Running Beer Fest

Giovedì 12 settembre 2019 appuntamento al Caffè Flora in Piazza Vittorio a Torino per il Running Beer Fest organizzato da Runnerpillar: allenamento...
Leggi runnerpillar.com, 14 agosto 2019

L'inizio di qualcosa di nuovo

Finalmente l'acido lattico ha lasciato le mie gambe, dopo 3 giorni trascorsi dalla 20km del Monterosa Walser Trail. La mia prima corsa portata a...
Leggi Dmitry Slovogorodsky, 30 luglio 2019

Maledetto infortunio. Anzi no

Grazie Giulia di aver condiviso con RP questo racconto. Ti aspettiamo più forte di prima! Mancano tre giorni all'intervento di estrazione del...
Leggi runnerpillar.com, 23 luglio 2019

La Corsa è merda

Tra 10 giorni dovrò correre il Monte Rosa Walser Trail, 20 km con 850 metri di dislivello positivo. Penso di non aver mai corso una gara del genere e...
Leggi Luca Utzeri, 17 luglio 2019

  SCRIVI UN POST...