Per info scrivi a info@runnerpillar.com

Continua

HOME NEWS  RP/Story  RP/Training   RP/Kitchen PEOPLE CALENDARIO ENTRA Seguici


Auricolari Wireless Jaybird Tarah

In commercio da fine Settembre ad un prezzo di listino di 103,99 (165,00 nella versione PRO con 14 ore di autonomia), il modello in-ear Tarah di Jaybird, grazie alla certificazione IPX7, è il prodotto ideale per le attività outdoor: resistenti ad acqua e sudore combinano la libertà del suono wireless di qualità e un design minimalista che li rende ideali compagni durante l'allenamento quotidiano.

Il design aerodinamico con morbidi gel in silicone e coppie di alette fornite in tre differenti misure garantisce una vestibilità sicura e ultraconfortevole. La batteria è a carica rapida, ha una durata dichiarata (e verificata) di 6 ore e tramite la app JayBird MySound scaricabile dai market ios o android è possibile regolare l'equalizzazione per una colonna sonora nitida, brillante e senza compromessi.

E grazie a Jaybird anche io ho avuto la possibilità di testare, con tutta calma, il nuovo prodotto della casa americana.

Caratteristiche: 
Connessione Bluetooth 5.0
Compatibilità con tutti i dispositivi dotati di Bluetooth con HFP, HSP e A2DP
Raggio d'azione wireless: portata standard di classe 2 - 10 m/33 piedi
Microfono integrato tipo MEMS, omnidirezionale
Peso (senza eargel): 13,85 g
Autonomia dichiarata di 6 ore 
Tempo di ricarica completa  2 ore (10' x un'ora) 
Certificazione IPX7 (resistenti al sudore e alla pioggia)

Confezione: 
Auricolari wireless
Set di 3 alette 
Cavo USB 
Libretto istruzioni

Operazioni preliminari:
Dopo averle caricate è sufficiente accenderle tenendo premuto il tasto centrale (sino ad 8 secondi) per accoppiarle (peering) con il disposito che si vuole utilizzzare da trasmettitore e sono pronte per essere indossate.  Nel caso poi, si voglia avere una equalizzazione personalizzata, è possibile anche  installare su smartphine la app Jaybird MySound dedicata.

Opinioni:
Per molti la corsa, soprattutto agli inizi, risulta  uno sport piuttosto noioso ed ascoltare della musica aiuta a superare le difficoltà delle prime uscite. Lettore mp3 prima, smartphone o smartwatch ora, l'importante è che sia musica e possibilmente diffusa con degli ottimi auricolari senza il vincolo, o meglio l'impiccio, del cavo.

Perché ieri come oggi, per quanto una persona possa prestare la massima attenzione  il destino degli auricolari tradizionali è sempre lo stesso: da stereo a mono e poi da mono a "mute".

Utilizzate con lo smart run di adidas dotato di lettore mp3, le ho indossate nell'arco di un paio di settimane per un totale di una settantina di chilometri. Comode e leggerissime,   una volta indossate, non è mai stato necessario doverci litigare per  il corretto posizionamento dei due terminali (ovviamente dopo aver scelto la coppia di alette della dimensione più adatta alle conca del padiglione auricolare) nemmeno durante il lungo da oltre due ore e mezza o sotto il diluvio ("certificata" la certificazione IPX7) di una domenica di ottobre.

Il suono è perfetto ma la sensazione di ambiente ovattato, tipica di questi tipi di auricolari, si fa sentire. L'autonomia è  quella dichiarata  e  qualche minuto prima di prima di esalare gli ultimi "respiri" una voce ci ricorda che gli auricolari necessitano di una ricarica che, come riportato dalle istruzioni, richiede circa 120 minuti.

E se invece del gps da polso si vuole utilizzare uno smartphone (testato su samsung) gli auricolari di Jaybird sono dotate anche di microfono integrato per  permettere la normale gestione delle chiamate  premendo semplicemente il tasto centrale.

Davvero niente male.


Le mie gare, le recensioni e i comunicati sul mio blog all'indirizzo:  
https://il-blog-di-nino.blogspot.com  

nino, 11 dicembre 2018

Condividi

  

  SCRIVI UN POST...
Fango, pessimismo e fastidio

Non è una notte insonne a determinare il crollo psicologico di un runner che sta preparando da mesi una sfida da 71km e 4900m di dislivello....
Leggi gianmarco bardini, 06 aprile 2019

Confessioni indecenti di Runnerpillars - Episodio_2

Seconda puntata della serie "confessioni indecenti" Oggi abbiamo una coppia tutta al femminile Paola "Barza" e Giulia Portaluri. Aiutaci anche tu a...
Leggi runnerpillar.com, 01 aprile 2019

Inaugurazione Centro Sportivo Podistica Torino - 9 aprile

Un grande in bocca al lupo ai nostri amici della Podistica Torino ASD per questa bella iniziativa. Inaugurazione martedì 9 aprile 2019 dalle 18 alle...
Leggi runnerpillar.com, 31 marzo 2019

Correre in compagnia... dell'infortunio

Chi pratica la corsa è abituato, quasi affezionato, ai dolorini sparsi ovunque. Ormai non si fa più caso, come arrivano se ne vanno, quasi sempre...
Leggi runnerpillar.com, 24 marzo 2019

Confessioni indecenti di Runnerpillars

Aiutaci anche tu a tracciare l'identikit del Runnerpillar medio, fino a che punto si può spingere un malato di running? Rispondi anche tu al nostro...
Leggi runnerpillar.com, 14 marzo 2019

  SCRIVI UN POST...