Per info scrivi a info@runnerpillar.com

Continua

HOME NEWS  RP/Story  RP/Training   RP/Kitchen PEOPLE CALENDARIO ENTRA Seguici


(quasi) quindici anni dopo ...

Quindici anni dopo ricordo ancora l'emozione di quel giorno in attesa dello start.

Una sfida che mi ero ripromesso di affrontare e vincere.

E non posso evitare di pensare anche alla dose di incoscienza con cui mi ero presentato in via Vittor Pisani la mattina della gara. Abbigliamento sbagliato, scarpe sbagliate, preparazione (quasi) sbagliata. Ingredienti per una sicura disfatta.

E bisogna avere anche del coraggio per chiamare preparazione quel numero casuale di chilometri messi in archivio nelle sedici settimane canoniche, comprensive di una settimana di ferie, ovviamente a settembre, nel posto meno indicato per correre (a meno di decidere di trasformarsi in criceto) e di un week-end a Monaco in occasione dell'Oktoberfest.

Il rito dell'expo, il pettorale con il nome stampato sotto il numero, la maglia tecnica realizzata dallo sponsor adidas con i colori della Gazzetta. E poi il giorno della gara la sveglia all'alba, il treno da prendere quando ancora è buio, l'attesa del via nel piazzale della Stazione Centrale.

E una volta dentro la gabbia, avere anche la sfrontatezza di decidere, con in dote i pochi riferimenti dell'unico lungo corso a quattro settimane della gara, a quale gruppo di pacer incollarmi.

Nove e trenta e si parte. Vittor Pisani, Piazza della Repubblica e finalmente il gruppo che si sgrana, cinque, dieci chilometri, il passaggio all'interno della vecchia Fiera di Milano, il Castello Sforzesco. La mezza in un'ora e cinquanta, il trentesimo, la stanchezza che comincia a farsi sentire e i cartelli che ricordano il lento passare dei chilometri che ti portano a maledire il momento che in cui hai deciso di provarci.

Il trentacinquesimo, Porta Venezia e gli ultimi due chilometri da fare aggrappandosi alle ultime energie rimaste. Piazza San Babila e finalmente il traguardo in Piazza del Duomo con il cronometro a indicare due minuti abbondanti sotto a quanto auspicato alla partenza.

Due ore dopo non riuscivo a nemmeno a fare i gradini che portavano in metropolitana ma che soddisfazione sapere di avercela fatta ed essere diventato per la prima volta "FINISHER".

Le mie gare, le recensioni e i comunicati sul mio blog all'indirizzo:

https://il-blog-di-nino.blogspot.com
nino, 21 novembre 2018

Condividi

  

  SCRIVI UN POST...
LA GARA

Post di SERGIO BENZIO Personal Trainer anche per le atlete ed atleti della Podistica Torino che vogliono avvalersi della sua consulenza; laureato in...
Leggi runnerpillar.com, 15 febbraio 2019

Pessimismo della Ragione e Ottimismo della Volontà

Pessimismo della Ragione. Gennaio 2008 - Ha il crociato anteriore e il collaterale mediale lesionati, vede? - Non potrò più giocare a calcetto? -...
Leggi Luca Utzeri, 29 gennaio 2019

IL MOTIVATOR ED IL FRATELLO CATTIVO (DEMOTIVATOR) DA SCACCIARE

Iniziai a correre come cura dello stress dopo gli anni dell'università e dopo la nascita dei miei figli scoprendo pian piano il mondo delle gare dopo...
Leggi giorgio magra, 25 gennaio 2019

ELOGIO SEMISERIO AL CROSS

E' tempo di cross! L'antica corsa campestre è una classica specialità dell'atletica leggera e si pratica prevalentemente nel periodo tra novembre e...
Leggi runnerpillar.com, 17 gennaio 2019

VINCI LA SNOWRUN CON RUNNERPILLAR

Con la pre-iscrizione su Runnerpillar partecipi all'estrazione di due pettorali omaggio per la Pragelato SNOWRUN del 26 gennaio 2019. Per il terzo...
Leggi runnerpillar.com, 14 gennaio 2019

  SCRIVI UN POST...