Per info scrivi a info@runnerpillar.com

Continua

HOME NEWS  RP/Story  RP/Training   RP/Kitchen PEOPLE CALENDARIO ENTRA Seguici


(quasi) quindici anni dopo ...

Quindici anni dopo ricordo ancora l'emozione di quel giorno in attesa dello start.

Una sfida che mi ero ripromesso di affrontare e vincere.

E non posso evitare di pensare anche alla dose di incoscienza con cui mi ero presentato in via Vittor Pisani la mattina della gara. Abbigliamento sbagliato, scarpe sbagliate, preparazione (quasi) sbagliata. Ingredienti per una sicura disfatta.

E bisogna avere anche del coraggio per chiamare preparazione quel numero casuale di chilometri messi in archivio nelle sedici settimane canoniche, comprensive di una settimana di ferie, ovviamente a settembre, nel posto meno indicato per correre (a meno di decidere di trasformarsi in criceto) e di un week-end a Monaco in occasione dell'Oktoberfest.

Il rito dell'expo, il pettorale con il nome stampato sotto il numero, la maglia tecnica realizzata dallo sponsor adidas con i colori della Gazzetta. E poi il giorno della gara la sveglia all'alba, il treno da prendere quando ancora è buio, l'attesa del via nel piazzale della Stazione Centrale.

E una volta dentro la gabbia, avere anche la sfrontatezza di decidere, con in dote i pochi riferimenti dell'unico lungo corso a quattro settimane della gara, a quale gruppo di pacer incollarmi.

Nove e trenta e si parte. Vittor Pisani, Piazza della Repubblica e finalmente il gruppo che si sgrana, cinque, dieci chilometri, il passaggio all'interno della vecchia Fiera di Milano, il Castello Sforzesco. La mezza in un'ora e cinquanta, il trentesimo, la stanchezza che comincia a farsi sentire e i cartelli che ricordano il lento passare dei chilometri che ti portano a maledire il momento che in cui hai deciso di provarci.

Il trentacinquesimo, Porta Venezia e gli ultimi due chilometri da fare aggrappandosi alle ultime energie rimaste. Piazza San Babila e finalmente il traguardo in Piazza del Duomo con il cronometro a indicare due minuti abbondanti sotto a quanto auspicato alla partenza.

Due ore dopo non riuscivo a nemmeno a fare i gradini che portavano in metropolitana ma che soddisfazione sapere di avercela fatta ed essere diventato per la prima volta "FINISHER".

Le mie gare, le recensioni e i comunicati sul mio blog all'indirizzo:

https://il-blog-di-nino.blogspot.com
nino, 21 novembre 2018

Condividi

  

  SCRIVI UN POST...
STORIA DI UN PB

Un PB che non arriva dopo settimane di preparazione mirata, seppur funestata da tendiniti e problemi quotidiani; un PB che non arriva in una maratona...
Leggi maurizio garassino, 07 dicembre 2018

Stadio Artemio Franchi

Trentesimo o poco più e la mia Firenzemarathon  va a in archivio nel peggiore dei modi: ritirato.  Il ginocchio,   sempre lo stesso, ha deciso di...
Leggi nino, 29 novembre 2018

ANTARCTICA MARATHON

CANDIDO MARTINO Una maratona per ogni continente. Classe 1954, 44 anni di lavoro, ora in meritata pensione, ci racconta delle sue centinaia di corse...
Leggi runnerpillar.com, 20 novembre 2018

Rastro i minimalisti per eccellenza

Rastro o non Rastro , questo e' correre ? L'antico dilemma shakespeariano balena nella mia testa ... parlando con uno dei miei soci di corsa al...
Leggi andrea sarra, 10 novembre 2018

CRONACA DI UNA MARATONA SOTT'ACQUA - 33esima VENICE MARATHON

La preparazione di questa maratona è stata travagliata , costellata di imprevisti e la scelta di correre a Venezia è stata anch'essa un obbligo per...
Leggi maurizio garassino, 31 ottobre 2018

  SCRIVI UN POST...